CinePhilo

Recensioni cinematografiche

#cineFOCUS: Interview with Iranian director Abdolreza Kahani through “Delighted” (2016)

 

Poster of “Delighted” (2016)

Some weeks ago I had the pleasure to watch “Delighted” [in Parsi, German sub] and personally meet director Abdolreza Kahani.

He comes from Nishapur, Iran and lives now in Paris, France. This interview follows our meeting in Karlsruhe, Germany and integrates my personal view of the movie. It follows 10 main topics.

[below: original Parsi text]

Read More

#SerialKiller. Bojack Horseman: il paradiso amaro di Hollywoo.

bojack

Ditelo alla prossima sedicenne che vi dice di aver perso la testa per 13 Reasons Why: la rappresentazione più realistica, illuminante, disarmante ed onesta della depressione si ritrova in un vivace cartone animato firmato Netflix, in cui i colori saturi, le animazioni semplici e i dialoghi brillanti fanno da singolare contraltare a temi esistenzialisti ed episodi sorprendentemente dark.

Read More

#cineBIT: I figli della notte (De Sica, 2017) – Un esordio tagliente come le Alpi

Scena di I figli della notte (De Sica, 2017)

Il film d’esordio di De Sica (junior junior) è stato presentato in anteprima nazionale alla 34ª edizione del Torino Film Festival del 2016 ed è uscito nelle sale successivamente nel 2017. In generale il film è passato abbastanza in sordina, nonostante abbia anche ottenuto numerosi premi, diretti al regista, alla musica ed alla fotografia. Effettivamente I figli della notte deve molto alla fotografia: è un film buio, cupo, tetro, non solo a livello di colori e luci, ma anche e soprattuttto a livello di contenuti, dialoghi ed intreccio. Si presenta come una fiaba, ma di fiabesco ha ben poco. Se la trama, il titolo e le sequenze iniziali ricordano fortemente L’attimo fuggente e ci strappano un sorriso (sorriso di chi spera in una “setta dei poeti estinti” #2 o in un nuovo illuminante Robin Williams), non ci vogliono molti minuti a capire che De Sica ha in serbo per noi tutt’altro film.

Read More

#cineOS: Assassins’s creed rant on nature’s predisposition bollocks (or crash course in genetics)

So hear me out: In psychology, one gene is not the key for solving the behaviour mysteries. Only with the complex relationship between genes, environment, and individual development we can grasp a bigger picture of one’s psyche. This may sound completely nonsensical, but stick with me, I have a reason to start this way.

Assassin’s Creed (2016) was a bad movie. I doubt many people here will be startled by this statement (or even watched it). There are many reasons why; but one in particular rubbed my brain. You see, I happen to be a psychologist student, and inevitably my behavioural-sciences-bullshit facts’ radar pointed my attention towards a dialogue excerpt from the movie. I would like to discuss that scene, not because I believe my criticism would stack this gloated piece of consumption right in its heart, but rather to outcry for yet another trend present in our days: Shitty science mythos.

Read More

#CineHot: “I, Tonya”. L’eroina tradita dell’American Dream.

 

i-tonya-margot-robbie-movie-trailer-screencaps-5

“I think I got too many memories getting in the way of me / I’m about to go Tonya Harding on the whole world’s knee”, così cantano i Fall Out Boy in “Stay Frosty, Royal Milk Tea. E Obama, durante la sua campagna elettorale nel 2009, contro i suoi detrattori ebbe a dire: “Folks said there’s no way Obama has a chance unless he goes and kneecaps the person ahead of us, does a Tonya Harding…”. È forse difficile per chi vive fuori dagli USA rendersi conto di quanto lo scandalo sportivo che ha coinvolto Tonya Harding e Nancy Kerrigan durante i Campionati nazionali di pattinaggio di figura del 1994, sia entrato a far parte, si potrebbe dire, del folklore, o almeno della cultura pop.

Read More

Castaway on the Moon (Lee Hae-Jun, 2009) – Quando l’obiettivo tocca la realtà

Scena di Castaway on the Moon (Lee Hae-Jun, 2009)

Tutti dovrebbero vedere, almeno una volta, Castaway on the Moon – titolo insolitamente non tradotto dall’industria cinematografica italiana e la cui versione originale coreana (김씨 표류기) sarebbe qualcosa del genere “Mr. Kim alla deriva”. Un titolo che, sottolineamolo da subito, sarebbe stato assolutamente più appropriato, perché il protagonista del film si chiama Kim, ma “Kim” è anche il cognome di più della metà della popolazione sud-coreana. Già nel titolo, quindi, è intrinseca l’idea che il nostro Mr. Kim rappresenta in realtà tutti i Kim o, volendo estendere il concetto ancora un po’, rappresenta l’uomo medio. In ognuno di noi c’è un po’ di Mr. Kim. Il film inizia sorprendentemente con il suo suicidio, dovuto ad insoddisfazione lavorativa, amorosa, ad un senso di fallimento costante e totale. Un tale fallimento, da fallire perfino nel suicidio…

Read More

#cineBIT: Melancholia (2011) di Lars von Trier — Tornare alla terra

“Papà ha detto che non c’è più niente da fare..” “Ha dimenticato la grotta magica.”

E anche stavolta di fronte all’ennesimo capolavoro del regista Lars von Trier non possiamo che rimanere scossi e alzare le mani, farci muti e restare a guardare ciò che ci resta addosso del film, anche a film concluso. Melancholia, plurinominato e pluripremiato, esce nel 2011 in assoluta continuità e allo stesso tempo discontinuità con la filmografia precedente di von Trier. Continuità per il carattere estremamente enigmatico e inafferrabile con cui ci viene presentata ogni singola scena, ma in realtà questo stampo oscuro e inaccessibile riguarda anche l’interezza dei suoi film, mai riducibili a un’interpretazione univoca, compiuta e definitiva. Discontinuità perché toccando questioni “cosmiche”, permette al suo ideatore di rivelarci da un’angolazione nuova e originale argomenti e intuizioni che però rimangono riconoscibili e tipiche del genio Lars von Trier.

Sulle note di Wagner, il momento iniziale della pellicola si presenta come una serie di fotogrammi pensabili, se presi insieme, come l’espressione compiuta del film. Questa sequenza non semplicemente riassume il contenuto del film, ma è il film stesso; si apre infatti con la protagonista Justine che, immobile, dischiude gli occhi mentre sagome di uccelli piovono dal cielo, e si conclude con l’apicale scontro tra la Terra e il pianeta Melancholia. Ecco che, nella sequenza completa di queste singole immagini, cominciano già a dispiegarsi gli elementi fondamentali che caratterizzeranno tutta la pellicola: l’espressione vuota di Justine, il pianeta, la caduta del cavallo come fisico “ritorno alla terra” e il contatto con un mondo naturale e animale – forse sempre più lontano e per certi versi inquietante – che Justine cercherà di ristabilire fino alla fine. C’è anche il suo tentativo di slegarsi dalle corde che, vestita da sposa, la imprigionano e le impediscono il libero movimento, il richiamo a Ofelia sdraiata sul fiume e, per finire, la collisione e poi l’esplosione dei due pianeti.

JUSTINE (parte prima)
Nella prima scena della prima parte del film, Justine ride: ciò non succederà quasi più per tutto il resto del film. I due novelli sposi già dai primi momenti si trovano letteralmente incastrati in situazioni banalmente pratiche e contingenti, come quella in cui una macchina a causa delle sue dimensioni non riesce a percorrere una strada troppo stretta. Già da questa scena così – forse inutilmente ma di certo volutamente – lunga, emerge la precisione di von Trier nel voler mostrare una pesantezza del vivere che si manifesta anche in questi intoppi così “umani, troppo umani”. Justine sembra quasi sollevata nell’arrivare in ritardo alla festa del suo matrimonio, tant’è che più avanti, Claire, la sorella, le chiederà se avesse veramente voluto quel momento e lei, molto enigmaticamente le risponderà di volerlo certamente. Dialogo, quello tra le due sorelle, criptico tanto quanto l’affermazione del padre – uno dei pochi esseri umani da cui Justine sembra sempre aspettarsi qualcosa – che le dirà: “Non ti ho mai vista così felice”, nonostante lei non lo fosse nemmeno apparentemente.

Read More

Varieté (Dupont, 1925) – Silence makes sound [Karlsruhe Silent Film Festival 3/3]

Scene of Varieté (1925) by Dupont and ensemble Capella Obscura

The 16th edition of the Karlsruhe Silent Film Festival finished a couple of days ago, on the 18th of March: precisely the day before the anniversary of cinema itself. In 1985, indeed, the Lumière Brothers were recording the so-called “first movie of cinema history”. Silent, of course. And here we are, more than one century afterwards, still celebrating those incredible first 20 years of silent cinema. “Silent”, at least if we consider recorded sound, since sound was actually always present, especially concerning voices, noises and live music. This time the music accompaniment has been handled by the ensemble Capella Obscura , directed by the musician and composer Cornelia Brugger and including about 20 musicians.
Behind them, in front of the audience, Dupont’s masterpiece Varieté.

Read More

Der letzte Mann (Murnau, 1924) – Last man or last laugh? [Karlsruhe Silent Film Festival 2/3]

Scene of Der letzte Mann (1924) by Murnau

It’s the 14th of March evening when the Karlsruhe Silent Film Festival starts: the room is complete, one of Murnau’s movies is ready to be screened and the musicians of the Ensemble Déjà-Vu (piano, violin and double bass) are also ready to integrate the movie with their creative music. Some might say that the silent movie era was not cinema because of the lack of recorded sound; others would say that real cinema was only and precisely during those years, because it achieves to communicate universally with only one of components of the cinematographic medium. Here I won’t stand for any of these positions: I will simply talk about a masterpiece of cinema history, Murnau’s Der letzte Mann, starring a great Emil Jannings, produced in 1924 at the time of the Weimar Republic. Talking of purism, though, it must be said that here even intertitles are absent, in the belief that the image can be totally independent. The result is impressing.

Read More

Phantom (Murnau, 1922) – A poetic psychodrama [Karlsruhe Silent Film Festival 1/3]

Scene of Phantom (1922) by F. W. Murnau

The Karlsruhe Silent Film Festival (14-18 March 2018), arrived at its 16th edition, will start today with a focus on Friedrich Wilhelm Murnau and the Cinema of the Twenties (to conclude the program of the previous edition). This Festival is one of the few devoted only to “Stummfilme” and includes a program of about 15 movies organized around different thematics.
One of the movies is a gem created in 1922 precisely by Murnau, Phantom. Generally speaking, it is not one of the most well-known masterpieces directed by the German director, such as Nosferatu (1922 as well), Der letzte Mann (1924) or Tartuffe (1925). It should definitely be included in the top list, though. Béla Balázs has defined this movie an “objectified lyric”, while Leonard Maltin gave it almost maximum rank saying that it is an authentic “poetic psychodrama”. Let’s see why.

Read More

Page 1 of 17

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén