CinePhilo

Recensioni cinematografiche

Author: Gian Marco Galasso

#cineHOT: Chi sono gli Stooges? Gimme danger (2016) di Jim Jarmush ci dà una mano a rispondere

 

Chi sono gli Stooges?

Me lo sono chiesto molte volte. Come ben sappiamo e come spesso accade tendiamo a farci delle domande e a volte, giustamente, pretendiamo anche delle risposte. Alle domande su cosa sia un qualcosa o chi sia un qualcuno, a ciò che i filosofi chiamano le domande ontologiche, il linguaggio, come è stato detto, cerca di racchiudere tramite un significante un determinato significato. Effettivamente niente di strano, ed è proprio così che il nostro impianto occidentale linguistico e quindi culturale, scientifico e filosofico si è organizzato, portandoci, come ha tenuto a dire il filosofo Jacques Derrida, pregi e difetti, virtù e danni: una sorta di double bind della cultura occidentale: un doppio atteggiamento. Se da un lato ha fatto sì che si perpetuasse un certo «dogma» della superiorità occidentale, dall’altro ci ha permesso di sviluppare una coscienza critica antidogmatica capace, perlomeno, di farci mettere in dubbio quello stesso «dogma».

Read More

#CineBit: Tre fratelli (1981) – La morte di una madre. Il flebile confine tra sogno e realtà negli anni settanta

 

Je so pazz’, je so pazz’, così suona il ritornello di un pezzo meraviglioso di Pino Daniele. Oltre a sentirmi in alcune circostanze, devo ammetterlo, un po’ pazzo, ciò che mi lega a quel mondo variegato di mille e più colori è un cordone ancestrale, di sangue e ricordi. Ma qui si parla di cinema. In effetti non sono io ad aver chiamato in causa il Masaniello di Daniele, ma lo ha fatto magistralmente, come sempre avviene nelle sue pellicole, “il maestro” Francesco Rosi.

Sto parlando qui del film Tre Fratelli del 1981, co-sceneggiato da un altro mostro sacro del cinema: il poeta emiliano Antonio “Tonino” Guerra; a mio parere il miglior sceneggiatore italiano in assoluto. Basterebbe citare soltanto alcuni dei suoi migliori lavori, tra cui quelli con Antonioni: La notte (1961), Il deserto rosso (1964), Blow up (1968), Zabriskie Point (1970); le sceneggiature per Rosi stesso, quali: Uomini contro (1970), Il caso Mattei (1972); Amarcord (1973) di Fellini; Nostalghia (1983) di Tarkovskij, per rendere giustizia all’affermazione sopra proposta.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén