CinePhilo

Recensioni cinematografiche

Author: ginosportello

Riflessi di Cinema – Il Cliente (2016) di Asghar Farhadi

Scena del film Il Cliente (2016) di Asghar Farhadi

«Come fa un uomo a diventare una bestia?», è la domanda che viene posta da uno studente ad Emad, uno dei due protagonisti, durante le prime sequenze del film. Ed è una domanda semplice, che suona quasi infantile attraverso la voce del ragazzo che la pronuncia e lascia emergere, in maniera fin troppo evidente, quasi rozza, l’escamotage di Farhadi per “mostrarci il futuro”. È la chiara e semplice profezia sui destini della vicenda.
Tuttavia, proprio questa trasparenza stona con la sottigliezza e la fluidità che il regista iraniano dimostra generalmente di saper imprimere alle sue sceneggiature complesse e precise, testimonianze di una notevole conoscenza degli strumenti del cinema. Ma andiamo con ordine.

Read More

#CineHot: Into the Inferno – Dominare il fuoco

krafft

Il bisogno di sfidare la Natura e di appropriarsi del suo potere sembrano impulsi che ci caratterizzano in quanto specie. Into the Inferno ce ne offre una dimostrazione. Questo documentario, come altri lavori di Herzog, trasforma un reportage naturalistico in un’occasione per riflettere sulla condizione dell’uomo sulla Terra.
Il regista bavarese, accompagnato dal vulcanologo britannico Clive Oppenheimer, ci porta alla scoperta dei vulcani più maestosi del mondo, le cui storie sono intrecciate con la nostra. Il viaggio parte dall’arcipelago di Vanuatu e prosegue in Etiopia, Indonesia, Islanda e oltre, alla volta di vulcani antichi e antichissimi, spaventosamente attivi o spenti da decine di millenni.La bellezza di questo docufilm deve molto all’incontro fortuito tra Herzog e Oppenheimer, al Polo Sud, nel 2006. Il primo raccoglieva materiale per Incontri alla fine del mondo, il secondo registrava dati sui vulcani dell’Antartide e proprio in cima ad uno di quei vulcani, l’Erebus, hanno capito di non essere molto diversi l’uno dall’altro.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén