CinePhilo

Recensioni cinematografiche

Category: #cineTOP

#cineTOP: i migliori film del 2017 — Parte seconda (10-1)


10. Toni Erdmann – Maren Ade

Chi sono i nostri padri? Cosa ci lega a loro? Dove si cela il debito – genetico, ma anche comportamentale, emozionale e “di classe” – di un figlio nei confronti di chi l’ha creato? E, in definitiva, c’è una giustificazione ultima – diversa dall’istituzione familiare – per legittimare un affetto che, in un certo senso, è “dovuto” da ambo le parti? Maren Ade, regista tedesca, racconta l’inferno rappresentato dai rapporti tra padri e figli adultissimi in una commedia di tre ore che prende il nome di un equivoco linguistico ed ontologico, Toni Erdmann appunto. La trama è un pretesto: Winfred, pensionato e vedovo, decide di alleviare la tensione lavorativa della figlia in carriera Ines con scherzi e burle, travestendosi, infine, da un personaggio immaginario e molesto, un uomo d’affari sotto il nome di Toni Erdmann. Si sbaglia se si pensa che quella di Maren Ade sia una commedia sul potere liberatorio della risata, sulla necessità della burla come componente essenziale di rivolta nella società contemporanea. Si sbaglia perché l’operazione cela in realtà sfaccettature molto più sottili e oscure. Se quello operato da Ines è un nascondimento della propria origine, del proprio Es, lo scontro con il padre – che è figlio e che non è Super-Io – non può che rivelare lo scoperchiamento di un’anima non riconciliata, l’esposizione vergognosa di un compromesso, a fronte di una sublimazione (ir)risolta, come nella bellissima, divertentissima, scena della festa di compleanno. E un sottofinale dolente di affetto familiare (vicino, per motivi e atmosfere, a quello di Dio esiste e vive a Bruxelles) che apre, invece, ad un finale incendiario, non riconciliato, che mostra le spoglie di una vittoria di cartone. Due protagonisti fenomenali – menzione speciale per Sandra Huller.

Read More

#cineTOP: I migliori film del 2017 — Parte prima (25-11)

Stilare una lista è sempre impossibile. Stilare una lista che affronti i due più grandi delfini (o mostri) dell’arbitrarietà, ovvero il gusto personale e una qualsiasi circoscrizione temporale, è cosa che non deve esistere. A maggior ragione se si considerano i soli film distribuiti nelle sale in Italia in un anno solare, che può presentare film pensati per cronologie o poetiche molto lontane tra loro.

Tuttavia, il motivo principale di ogni lista deve essere la possibilità di un universale, di un criterio pseudo-ultimo che possa dare ordine ad una selezione dettata, forse, dal caso. È il motivo per cui una lista deve sì affrontare il gusto personale, ma anche poi sviscerarlo, renderlo innocuo, analizzare le categorie che hanno portato lo stesso gusto a formarsi. È il motivo, anche, per cui ogni lista è strutturalmente incompleta: non si può visionare tutto.

La lista qui presente prova a fare un ranking ragionato – e anche basato sull’amore – dei 25 migliori film distribuiti in Italia dal primo gennaio al trentuno dicembre 2017, presentando dunque una varietà dovuta alla natura composita di una simile circoscrizione: film distribuiti nel mondo nell’anno precedente, film con bassa distribuzione recuperati in mercati dormienti (quello estivo e tardo-primaverile), film italiani o europei in anteprima rispetto al mercato mondiale (leggi: statunitense). Sono stati esclusi prodotti estranei al circuito delle sale, ovvero serie televisive (nessuno si aspettasse Twin Peaks) o qualunque audiovisivo distribuito su piattaforme streaming (e.g. Netflix).

Come già detto, non è stato possibile visionare ogni cosa (come ad esempio Coco, la nuova fatica Pixar, che piace pensare sarebbe stata in lista), anche se si è provato a recuperare ogni film da recuperare. Fa macchia l’assenza totale di film italiani, a margine di un anno particolarmente opaco per il cinema nostrano.

Ogni classifica nasce probabilmente sbagliata come suo non-potere intrinseco. La speranza è che, nella parzialità del suo contesto, questa classifica possa essere assolutamente meno sbagliata di molte altre.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén