the_woman_001

Il genere horror non si è mai risparmiato nell’utilizzare una vasta gamma di figure femminili, rese come stereotipi a seconda delle esigenze: la donnicciola dallo spavento facile e la indomita cacciatrice di streghe; la blonde chick ingenua, tra le prime a morire per mano del serial killer di turno, e la sagace e misteriosa ragazza che è in grado di mettersi in contatto con l’aldilà; la bambina che scorrazza impaurita per una città abbandonata e quella che emerge minacciosa dallo schermo. The Woman – horror americano del 2011 di Lucky McKee – non solo utilizza alcuni di questi stereotipi, ma li esagera fino a dilaniarli, lasciandone allo spettatore dei miseri brandelli.

Read More